LIRICHE DA CAMERA

6, 13, 20, 27 maggio 2016 - ore 17:30

Museo del Novecento - Sala Arte Povera

 

Ciclo di quattro incontri per mettere in luce Romanze, Canzoni e Liriche del repertorio italiano tra Otto e Novecento nell’ambito del Master biennale di II livello promosso dal Conservatorio G. Verdi di Milano e sostenuto dalla Fondazione Araldi Guinetti

 

Presentazioni di Guido Salvetti

 

La magnifica fioritura del Lied tedesco, o le intonazioni della grande poesia francese da parte di Fauré, Debussy e Ravel, hanno messo in ombra un cospicuo repertorio italiano, che ha una sua varia e variegata storia tra Ottocento e Novecento: è la serie cospicua, ma non poco nell’ombra, delle Romanze, delle Canzoni o delle Liriche a cui si sono dedicati autori talvolta ignoti, più spesso celebrati in altri generi vocali o strumentali.

Il genere della Lirica vocale da camera, soprattutto nel Novecento, si è alimentata – oltre che delle raccolte di testi popolari – dei grandi classici della poesia italiana, e, non poco, dei poeti contemporanei. Questo genere ha così fatto tesoro di ogni stimolo verso un rinnovamento dell’intonazione della parola poetica, in linea con l’evoluzione del linguaggio musicale del Novecento europeo.

Su questo tema si sta specializzando un gruppo selezionato di interpreti. Fanno capo a un Master biennale del Conservatorio di Milano (Master biennale di secondo livello in “Repertorio vocale da camera italiano tra Otto e Novecento”), che gode del sostegno della Fondazione Araldi Guinetti. I corsisti sono quindi dei professionisti, che vogliono approfondire questa parte troppo trascurata del repertorio e che danno vita per NoMus, negli spazi del Museo del Novecento, a un seguito di quattro incontri, costruiti su tematiche che puntano ad evidenziare la ricchezza, ma anche la coerenza di questa nostra storia.

Ogni tematica sarà illustrata dalle esecuzioni. ma anche da brevi introduzioni.  Il tutto per una durata, ad ogni incontro, di circa un’ora.

 

I docenti del Master che curano questi programmi sono: Stelia Doz e Daniela Uccello (Prassi esecutive), Luigi Marzola (collaborazione pianistica), Emanuela Piemonti (Musica da camera e coordinatrice dell’Ensemble), Guido Salvetti (Storia e analisi del repertorio).

 

Venerdì 6 maggio - ore 17:30 - “Fonti popolari e poeti colti”

 

Ottorino Respighi, Quattro rispetti toscani

Roberta Canzian, soprano – Muriel Grifò, pianoforte

 

Hans Werner Henze, Fünf neapolitanische Lieder

Valentina Vanini, mezzosoprano – Giuseppina Coni, pianoforte

 

Ermanno Wolf-Ferrari, Quattro Rispetti op. 11

Roberta Canzian, soprano – Muriel Grifò, pianoforte

 

Luigi Dallapiccola, Due liriche di Anacreonte

Valentina Vanini, mezzosoprano – Giuseppina Coni, pianoforte

Strumentisti dell’Ensemble di Musica da camera del Conservatorio

 

 

Venerdì 13 maggio - ore 17:30 - “I diversi volti della prima avanguardia italiana”

 

Gian Francesco Malipiero, Sonetti delle fate

Marianna Mappa, soprano – Maria Silvana Pavan, pianoforte

 

Goffredo Petrassi, I colori del tempo: “Autunno”, “Un mattino”

Ildebrando Pizzetti, I pastori

Alfredo Casella, Tre canzoni trecentesche

Xsiao Pei Ku, soprano – Giuliano Guidone, pianoforte

 

Ildebrando Pizzetti, Tre sonetti del Petrarca

Marianna Mappa, soprano – Maria Silvana Pavan, pianoforte

 

 

 

 

Venerdì 20 maggio - ore 17:30 - “Candore e malizia nonostante Darmstadt”

 

Luciano Berio, Quattro Canzoni popolari 

Marianna Mappa, soprano – Maria Silvana Pavan, pianoforte

 

Niccolò Castiglioni, Cantus Planus, prima serie

Selena Colombera, Xsiao Pei Ku, soprani - Daniele Bonini, pianoforte

Ensemble strumentale del Conservatorio

 

Luciano Berio, 11 Folk Songs

Roberta Canzian, Barbara Vignudelli, soprani -

Ensemble strumentale del Conservatorio

 

[questo incontro è dedicato alla memoria di Giuseppina Araldi Guinetti]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdi 27 maggio - ore 17:30 - “Commedia e tragedia”

 

Giorgio Federico Ghedini, “Canti del Boiardo”:

Datime a piena mano, Canta un augello, Tu te ne vai, Candida mia colomba

Xsiao Pei Ku, soprano – Giuliano Guidone, pianoforte

 

Mario Castelnuovo–Tedesco, Heine-Lieder

Roberta Canzian, soprano – Muriel Grifò, pianoforte

 

Luigi Dallapiccola, Quattro liriche di Antonio Machado

Xsiao Pei Ku, soprano – Giuliano Guidone, pianoforte

 

Nino Rota, Tre liriche infantili, Ninna nanna, Richiamo d’amore

Roberta Canzian, soprano – Muriel Grifò, pianoforte

© NoMus 2019