CONCERTO DEL MILANO'808ENSEMBLE

Martedì 23 ottobre 2018 - ore 17:00

Museo del Novecento

ingresso libero fino a esaurimento posti

 

Concerto del Milano'808Ensemble,

in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano

Programma:

Ivan Fedele (1953)
Etudes Australes n. 1 - 4 - 5, per pianoforte

Armando Gentilucci (1939-1989)
Lied senza parole, per soprano e pianoforte

Omaggio, per voce femminile e pianoforte

Sylvano Bussotti (1931)
Lettura di Braibanti (da Sette Fogli) (1963) trascrizione per Lorna Windsor di Marcello Panni, per voce sola

 

Giacomo Manzoni (1932)
4 versi di Marina Cvetaeva (in memoriam di Armando Gentilucci), per soprano e violino

 

Béla Bartók (1881-1945)
Sonata n.2, Sz. 76, per violino e pianoforte

Milano’808Ensemble

Lorna Windsor, soprano

Giovanna Polacco, violino 

Alfonso Alberti, pianoforte

____________________________________________________________________________________

 

 

Milano’808Ensemble
Fondato da Giovanna Polacco nel 2012 il Milano’808Ensemble, oltre ad un chiaro omaggio alla città di adozione dei suoi componenti (quasi tutti provenienti dal Conservatorio di Milano), contiene anche una dedica esplicita e affettuosa all’anno di fondazione di questa gloriosa istituzione, avvenuta due secoli fa nel 1808. Ed è attingendo prevalentemente ai materiali custoditi presso la sua ricchissima biblioteca che il gruppo, composto da musicisti di alto profilo, si dedica alla ricerca di repertori di musica da camera poco esplorati o addirittura inediti, meritevoli di riscoperta, attraverso trascrizioni e rielaborazioni originali di compositori italiani e non attivi a partire dagli inizi dell’Ottocento per arrivare all’oggi. Oltre che attingere al repertorio cameristico colto di tradizione “alta”, il gruppo ama proporre un ventaglio di esecuzioni che si riallacciano al filone della cosiddetta musica di intrattenimento, ricreando la dimensione domestica e l’atmosfera aperta e colloquiale tipiche dei celebri “salotti” tanto in voga presso l’intellighenzia borghese dell’epoca. Chiamato anche quest’anno ad esibirsi in festival e rassegne cameristiche di prestigio, l’ensemble è, da sei anni ormai, formazione “in residence” per NoMus presso il Museo del ‘900 di Milano.

Lorna Windsor, soprano.
Il soprano italo-inglese Lorna Windsor ha studiato canto, viola e pianoforte a Londra (alla Guildhall School of Music and Drama) a Vienna e in Francia con Elisabeth Schwarzkopf, Hans Hotter e Gérard.Souzay. Ha debuttato come Rosalinde ne Il Pipistrello di J. Strauss, ed in molte operette viennesi e di Offenbach nei più importanti teatri francesi. Interprete di opere buffe napoletane, della musica del 1200-1300 dei Trobadors nella lingua occitana, ha coperto innumerevoli ruoli nei più prestigiosi teatri di tutta Europa sotto la direzione di alcuni tra i più importanti direttori, spaziando da Monteverdi a Bach, Salieri, Mozart, Donizetti, Bernstein. Oltre al vasto repertorio liederistico, di canzoni di Kurt Weill (RAI 3) e di vari musical, ha eseguito il Pierrot Lunaire di Schönberg e una serie di opere di Berio, Tavener, Kagel, Kurtag, Bussotti. Ha affrontato anche il repertorio pop con autori come Battiato, Gallahger, Clinton, Sting, Sondheim, Theodorakis. Da anni collabora con A. Ballista e D. Tortorella, ospite dei maggiori festival europei. Parla e recita in sei lingue, canta in più di quindici lingue, è docente di canto e tiene masterclass al Conservatorio di Milano e altri istituti.
Sarà in tournée prossimamente con la presentazione di uno delle sue ultime registrazioni, il cd ‘VOX SOLA’, (Brilliant Classics), con repertorio del novecento e contemporaneo, composto per voce sola.

Giovanna Polacco, violino.
Allieva di Paolo Borciani, si diploma a pieni voti presso il Conservatorio di Milano perfezionandosi poi con L.Kogan e H. Szeryng. Debutta all’Accademia Filarmonica di Roma, alla Società del Quartetto di Milano e al Festival di Musica da Camera di Cremona in duo violino-pianoforte. Ha ottenuto premi in numerosi concorsi internazionali tra i quali il “M. Abbado”, il “Forte dei Marmi”, il “V. Gui” di Firenze e ha suonato anche come violino di spalla in varie orchestre sotto la guida di direttori quali Abbado, Prètre, Maazel, Giulini, Kuhn, Muti.
Membro stabile del Dedalo Ensemble e fondatrice del Milano’808Ensemble, partecipa a importanti Festival e stagioni musicali quali Biennale di Venezia, Milano Musica, Concerti del Quirinale, MITO Settembre Musica. Nella sua intensa attività didattica e di promozione di giovani talenti, ha affrontato l’integrale dei Duetti per 2 violini di Berio, Bartók e Hindemith eseguiti da 50 giovanissimi violinisti in varie rassegne concertistiche. Da sei anni Direttore artistico della stagione cameristica Verdi Suite, è docente di violino e del corso di prassi esecutiva e repertorio della musica contemporanea presso il Conservatorio di Milano.

Alfonso Alberti, pianoforte.
Sua grande passione è la musica d’oggi, nella convinzione che essa sia un’opportunità formidabile per capire l’oggi. I suoi programmi da recital amano tessere rapporti fra le diverse epoche, con l’intento di mostrare l’unità del percorso storico musicale. Gli sono state a date più di cento prime esecuzioni assolute per pianoforte solo e per pianoforte e orchestra, fra cui anche opere riscoperte di protagonisti del Novecento come Castiglioni, Scelsi, Sinopoli. Un’intesa musicale e umana particolarmente significativa lo ha legato a Giorgio Gaslini, che gli ha dedicato i suoi ultimi brani per pianoforte e il Concerto per pianoforte e orchestra. Ha pubblicato più di venti dischi solistici e cameristici frutto della sua intensa attività concertistica. È membro stabile dell’Ensemble Prometeo e collabora con altre formazioni fra cui il Klangforum Wien. Tra le sue pubblicazioni Niccolò Castiglioni, 1950-1966 (LIM 2007), Vladimir Horowitz (L’Epos, 2008), Le sonate di Claude Debussy (LIM, 2008) e La rosa è senza perché. Niccolò Castiglioni, 1966-1996 (edito da LIM nel 2012). Nel 2010 il canale televisivo Sky Classica gli ha dedicato un documentario per la serie Notevoli

© NoMus 2019