IL VIOLONCELLO SOLISTA NELLA MUSICA ITALIANA DEL ‘900

Venerdì 8 giugno 2018 - ore 17:00

Museo del Novecento - Sala Arte Povera

ingresso libero fino a esaurimento posti

 

Incontro Il violoncello solista nella musica italiana del ‘900 con la violoncellista milanese Silvia Chiesa, in occasione dell’uscita del suo CD dedicato a Riccardo Malipiero, Gian Francesco Malipiero e

Mario Castelnuovo-Tedesco (con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Massimiliano Caldi, Sony Classical). Con esecuzioni musicali dal vivo (pianista accompagnatore: Yevgeni Galanov).

 

Intervengono la violoncellista Silvia Chiesa e il musicologo Alessandro Turba (Università degli Studi

di Milano)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per la prima volta insieme, in un unico CD, tre Concerti per violoncello e orchestra di grandi compositori del XX secolo ingiustamente dimenticati: Mario Castelnuovo-Tedesco (prima registrazione italiana),

Gian Francesco Malipiero e Riccardo Malipiero (prima registrazione mondiale). Con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Massimiliano Caldi.
Il Novecento italiano protagonista della trilogia discografica che Silvia Chiesa ha realizzato per Sony Classical. La violoncellista milanese aveva dato inizio al suo progetto di riscoperta di questo repertorio ingiustamente rimasto in ombra con due fortunati album dedicati a Nino Rota, Ildebrando Pizzetti, Alfredo Casella e Ottorino Respighi. Ora esce il terzo CD che contiene, per la prima volta insieme, i Concerti per violoncello e orchestra 
di tre grandi compositori italiani a lungo dimenticati o forse semplicemente incompresi: il fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco (di cui nel 2018 ricorre il 50° anniversario della morte, 1895-1968, prima registrazione italiana), il veneziano Gian Francesco Malipiero (1882-1973) e il milanese Riccardo Malipiero (1914-2003, prima registrazione mondiale). Tutti italiani gli interpreti: oltre a Silvia Chiesa, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e il direttore milanese Massimiliano Caldi.

«Da musicista e da cittadina italiana - ha dichiarato Silvia Chiesa - ho sempre sentito l’esigenza di conoscere meglio il repertorio per il mio strumento. Dopo lunghe e approfondite ricerche ho scoperto che tra gli autori del Novecento ci sono molte splendide musiche ancora sconosciute di autori che non sono stati adeguatamente considerati. Il primo a colpirmi è stato Nino Rota: apprezzato a livello internazionale per le colonne sonore (premio Oscar nel 1975 per “Il padrino” di Coppola), ma ignorato come autore di musica colta, perfino in Italia. Mi ha entusiasmata Mario Castelnuovo-Tedesco: del grande maestro fiorentino era nota quasi soltanto la produzione per chitarra. Invece egli ha composto ben 200 numeri d’opera per tutti gli strumenti, musica vocale da camera, oratori, teatro musicale: davvero un gigante. Finalmente in occasione dell’anniversario del 2018 questo magnifico compositore sta ottenendo i riconoscimenti che avrebbe meritato in vita. Anche i Concerti per violoncello e orchestra di Riccardo e di Gian Francesco Malipiero sono due gioielli: mi auguro che questa registrazione contribuisca alla

diffusione che meritano».

Mario Castelnuovo-Tedesco scrisse il Concerto per violoncello e orchestra per Gregorij Pjatigorskij, che glielo commissionò dopo aver ammirato quello per violino scritto per Jascha Heifetz. Monumentale nelle proporzioni, attraversato da una generosa ispirazione melodica, fu eseguito per la prima volta dal leggendario virtuoso russo sotto la direzione di Arturo Toscanini a New York il 31 gennaio 1935.

Il Concerto di Gian Francesco Malipiero fu terminato nella prediletta villa di Asolo (Treviso) il 28 ottobre 1937 e venne eseguito per la prima volta a Belgrado (31 gennaio 1939) dal dedicatario Enrico Mainardi. Come scrive il maggior biografo malipieriano, John C. G. Waterhouse, è una «pagina compatta che esalta il dialogo tra solista e orchestra, manifestazione emblematica d’una felicità espressiva di conio neoclassico».

Improntato a una scrittura “seriale”, il Concerto di Riccardo Malipiero (nipote di Gian Francesco, fratello di suo padre) fu eseguito per la prima volta al Teatro alla Scala, il 30 ottobre 1957, dal violoncellista catalano Gaspar Cassadó. E’ dedicato al padre Riccardo, valente violoncellista, oltre che grande didatta.

____________________________________________________________________________________

 

 

Silvia Chiesa

La violoncellista Silvia Chiesa è tra le interpreti italiane più in vista sulla scena internazionale. Ha contribuito in modo decisivo al rilancio del repertorio solistico del novecento italiano. E’ stata la prima italiana a registrare il Concerto per violoncello di Mario Castelnuovo-Tedesco: il cd, pubblicato da Sony Classical, esce nel 2018 in occasione del 50° anniversario della morte del compositore e comprende anche i Concerti per violoncello di Riccardo Malipiero (prima registrazione mondiale) e di Gian Francesco Malipiero, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Massimiliano Caldi. Del progetto discografico fanno parte altri due cd con musiche di Pizzetti, Rota, Casella e Respighi. 

Dedicataria di composizioni solistiche con orchestra di Azio Corghi e Matteo D’Amico, è stata scelta da compositori come Gil Shohat, Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Peter Maxwell Davies, Giovanni Sollima, Gianluca Cascioli e Ivan Fedele per prime esecuzioni di loro opere.

Come solista si è esibita con l’Orchestra Nazionale della Rai, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra della Toscana, la Royal Philharmonic Orchestra, i Solisti di San Pietroburgo, l’Orchestra di Rouen e la Sinfonica di Cracovia.
Con il pianista Maurizio Baglini ha all’attivo più di duecento concerti in tutto il mondo e ha registrato per Decca le Sonate di Schubert, Brahms e Rachmaninov.

È artista residente dell’Amiata Piano Festival e docente al Conservatorio “Monteverdi” di Cremona.
Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

Yevgeni Galanov

Il pianista Yevgeni Galanov è nato a Minsk nel 1990 e ha iniziato a studiare la musica a sei anni. Ha

effettuato tournée in Bielorussia, Francia, Svizzera, Italia e ha suonato con diverse orchestre: l’Orchestra Sinfonica Statale di Bielorussia, Orchestra Bielorussa di Radio e Televisione, l’Orchestra Sinfonica di Belgorod e l’Orchestra Sinfonica del Teatro musicale statale di Rostov (Russia). Ha inoltre partecipato alla masterclass «Lo Stato alleato per i giovani talenti del XXI secolo» (Mosca, 2009), nell’Accademia giovanile musicale e al IV Festival internazionale di Yuri Bashmet (Minsk, 2009). E’ stato borsista della Fondazione Bielorussa per il sostegno dei giovani talenti. 

 

© NoMus 2019