Immaginare suoni e parole attraverso il tatto
4 aprile 2014 - ore 17:30
Museo del Novecento - Sala Conferenze
ingresso gratuito
 
Vietato non toccare! L’artista Ambra Zaghetto presenterà tre cicli di tavole tattili - Le cose bianche della notte, Cenere che fa la ruggine e Partiture Tattili - con le quali il pubblico potrà direttamente interagire. L’esperienza tattile delle tavole sarà accompagnata dallo stimolo visivo e sonoro attraverso l’ascolto e la lettura di favole interpretate anche in Lingua dei Segni Italiana (LIS) da Barbara Calcinati e Pietro Masella della Compagnia Teatrale Senza Parole di Milano. Roberta Pesenti, interprete dell’ENS di Milano, tradurrà estemporaneamente in LIS tutti i momenti dell’incontro.
 
L’evento è adatto ad adulti e piccini! Lo scopo del lavoro di Ambra Zaghetto è, infatti, quello di creare lavori d’arte in grado di coinvolgere direttamente il pubblico di tutte le età. Ogni tavola tattile è un oggetto che va toccato, guardato e ascoltato: sono queste le tre modalità sensoriali che, in maniera sinestetica, Ambra cerca di coniugare nei suoi lavori. Chiunque diventa spettatore e attore: la prova delle tavole spesso prevede anche una personale interpretazione basata sulle sensazioni evocate dall’esperienza diretta.
 
Ambra Zaghetto crea cicli tattili dal 2009 e in ogni suo lavoro richiama elementi, forme e suoni della natura che scopre e riscopre anche attraverso la scrittura di favole/racconti e la creazione di composizioni musicali elettroniche. L’interesse di Ambra per la percezione, in ogni sua forma e aspetto, deriva dagli studi scientifici e umanistici e, in particolare, la sensibilità verso la sordità è nata durante il percorso di antropologia: in questo periodo ha avuto modo di scoprire e studiare una realtà nuova e ricca, quella della cultura sorda, e di lavorare presso l’ENS di Milano dove ha conosciuto tutti i bravissimi componenti della Compagnia Teatrale Senza Parole! Il lavoro di ricerca antropologica è pubblicato da Guerra Edizioni nel 2013, Nuove Prospettive sulla Produzione Artistica in Lingua dei Segni Italiana (LIS), mentre una prima pubblicazione dei lavori tattili è stata realizzata nel 2012 con l’uscita del CD I Suoni Bianchi della Notte (Casa Musicale Eco).
 
 

 

1/6

© NoMus 2019