OMAGGIO A BRUNO BETTINELLI (1913 - 2004)
 Il maestro dei maestri

1/17
1 aprile 2015 - 10:00/13:00 - 14:30/16:30 
Museo del Novecento - Sala Conferenze
ingresso libero fino a esaurimento posti
 
 
Giornata di studio per ricordare e analizzare la figura del maestro.
 
SESSIONE DEL MATTINO ore 10 - 13
 

Ilaria Bonomi (Università degli Studi di Milano): Bacchelli autore di testi per musiche di Bettinelli: “La Smorfia”, “Le solitudini del mare”

 

Pierluigi Ledda e Maria Pia Ferraris (Archivio Storico Ricordi): Bruno Bettinelli e l’Archivio Storico Ricordi

 

Giulio Mercati (musicologo e organista): Bruno Bettinelli: il cammino di un musicista.

Interverranno inoltre Gianni Rugginenti (Editore) e Fabio Vacchi (Compositore e didatta).

 

        coordina Angelo Foletto
 
SESSIONE DEL POMERIGGIO ore 14:30 - 16:30 
 

Interventi e testimonianze di Azio Corghi, (compositore e didatta), Maria Isabella De Carli: Il pianoforte nei lavori di Bettinelli: una testimonianza; Don Alberto Donini (musicologo e didatta), Giancarlo Facchinetti (compositore e didatta), Annamaria Morazzoni (musicologa e didatta), Umberto Benedetti Michelangeli (direttore d’orchestra), Vittorio Parisi (direttore d’orchestra): Bruno Bettinelli e il Conservatorio degli anni 70 fra tradizione e avanguardia, Bruno Zanolini (compositore e didatta)

 

coordina Gaia Varon

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
seguirà alle ore 17:30
Museo del Novecento - Sala arte povera
concerto finale a cura del Milano'808Ensemble
ingresso libero fino a esaurimento posti
 
Programma del concerto
musiche di BRUNO BETINELLI (1913 - 2004)
 

Introduzione e allegro per orchestra di flauti (1977)

*Solisti dell'orchestra di Flauti del Conservatorio “G.Verdi” di Milano: 

 Erika Macalli, Michelangelo Lazzareschi, Mara De Luca,

 Natalia Oddi, Pier Filippo Barbano, Sun Zhe.

 Diego Collino, direttore

 

Dialogo per flauto e pianoforte (1983)    

Giulia Giovannelli, flauto; Stefano Maffioletti, pianoforte 

Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” di Milano

 

"O Jesu dolce" e "Domine convertere" per coro

Corale San Giovanni Battista di Cernusco Lombardone e

Coro Polifonico dell'Accademia "Mozzati" di Mezzago.

Federico Porcelli, direttore

 

Studio da concerto per flauto solo

*Fabricio Malaquias, flauto

 

Divertimento a due per 2 chitarre (1982)

*Francesco Biraghi, *Sara Collodel, chitarre 

 

da Tre momenti: Mosso e scorrevole, per violino, viola e violoncello (1954)

*Giovanna Polacco, violino 

*Ugo Martelli, viola 

*Luca Paccagnella, violoncello

 

Sonatina da concerto per violino e pianoforte (1967)

*Giovanna Polacco, violino 

*Ruggero Ruocco, pianoforte

 

 

 *(componenti del “Milano’808ensemble”)

 

 

 

MILANO’808 ENSEMBLE

Il nome del gruppo, oltre ad un chiaro omaggio alla città di adozione dei suoi componenti quasi tutti provenienti dal Conservatorio “G. Verdi” di Milano, contiene anche una dedica esplicita e affettuosa all’anno di fondazione di questa prestigiosa istituzione, avvenuta due secoli fa nel 1808. Ed è attingendo prevalentemente ai materiali custoditi presso la sua ricchissima biblioteca che il Milano’808 ensemble, composto da musicisti di alto profilo, si dedica alla ricerca di repertori di musica da camera poco esplorati, o addirittura inediti, meritevoli di riscoperta.

Tutti i musicisti hanno svolto attività con i più prestigiosi Ensemble e le Orchestre nazionali e internazionali, tenendo concerti nelle più celebri sale e istituzioni musicali. Punto d’incontro dell’Ensemble è fondamentalmente il piacere di ritrovarsi a fare musica insieme e il desiderio di condividere, con un pubblico disponibile alla curiosità e alla novità, l’interesse nel riscoprire pagine dalle più famose a quelle inedite, o rivisitate attraverso trascrizioni e rielaborazioni originali, di compositori italiani a partire dagli inizi dell’Ottocento per arrivare all’oggi.

Il progetto si propone anche di valorizzare alcuni dei migliori talenti che si sono distinti tra gli studenti e i laureati del Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Oltre che attingere al repertorio cameristico colto di tradizione “alta”, il gruppo propone un ventaglio di esecuzioni che si riallacciano al filone della cosiddetta musica di intrattenimento, ricreando la dimensione domestica e l’atmosfera aperta e colloquiale tipiche dei celebri “salotti” tanto in voga presso l’intellighenzia borghese del passato, oggi finalmente rivalutati e nuovamente apprezzati. Il gruppo è composto da un nucleo base di musicisti che coprono l’intero arco delle famiglie di strumenti, voci comprese, più all’ occorrenza solisti ospiti di chiara fama e/o una voce recitante per citazioni e letture. Tale flessibilità di organico consente di eseguire programmi molto particolari non praticabili da gruppi a formazione fissa. Affermatosi definitivamente nel 2008 in occasione delle celebrazioni per il Bicentenario dalla fondazione del Conservatorio di Milano con un concerto al Teatro alla Scala di Milano nella Sala dell’Esedra, svolge la sua attività concertistica riscuotendo più che lusinghieri consensi sia di pubblico che di critica.

Nel 2013 è stato tra i protagonisti delle celebrazioni per il bicentenario di Verdi con numerosi concerti in occasione dei quali ha proposto e declinato il repertorio verdiano nelle più diverse formazioni, attraverso soluzioni di organico e versioni interpretative assolutamente originali e innovative. Dal 2014 collabora stabilmente all’interno delle iniziative musicali di NoMus come Ensemble in residence al Museo del ‘900. Ha recentemente inciso per Limenmusic e ha in programma collaborazioni ed esibizioni in occasione di EXPO 2015.

www.milano808ensemble.it

 

FRANCESCO BIRAGHI, CHITARRA

Francesco Biraghi si è diplomato al Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida di Ruggero Chiesa. Si è poi perfezionato con Oscar Ghiglia e, per il repertorio antico, con Hopkinson Smith. A partire dal 1980 ha intrapreso una attività concertistica che lo ha portato in circa cinquanta nazioni del mondo; negli stessi anni ha effettuato registrazioni radiotelevisive, seminari e conferenze sulla chitarra presso importanti istituzioni. Collabora alla rivista “Il Fronimo” ed ha firmato note a numerosi programmi concertistici e discografici. Ha tenuto corsi estivi di interpretazione ed è spesso chiamato a far parte di giurie in concorsi internazionali. Sul fronte discografico ha all’attivo dieci CD. La sua attuale attività concertistica si svolge con il Classico Terzetto Italiano (su strumenti storici), e in duo di chitarre con Sara Collodel. Insegna chitarra al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano.

 

SARA COLLODEL, CHITARRA

Diplomata in chitarra al Conservatorio di Verona, si è perfezionata con Stefano Grondona e Oscar Ghiglia. Alla formazione musicale ha affiancato gli studi universitari laureandosi con lode in Lettere ad indirizzo musicologico. Nel 2007 ha conseguito il Diploma Accademico di II livello con lode nella classe di chitarra di Maria Vittoria Jedlowski al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, dove ha inoltre studiato composizione con Irlando Danieli. Ha inoltre studiato il canto tradizionale dell’India del nord con i maestri Ramakant e Umakant Gundecha. Svolge da anni attività concertistica dedicandosi al connubio voce e chitarra in duo con la giovane soprano Ljuba Bergamelli, nonché al duo chitarristico con Francesco Biraghi. Da alcuni anni si occupa di musica tradizionale afroamericana studiando chitarra jazz. E’ docente a Milano nelle scuole medie ad indirizzo musicale.

 

FABRICIO MALAQUIAS ALVES, FLAUTO

Inizia i suoi studi al Conservatorio di Visconde do Rio Branco, Brasile. Studia con il maestro Daniel della Savia e nel 2011 si laurea in Flauto e Didattica della Musica presso l’Universidade Federal de Ouro Preto nella classe di Fabio Viana con il massimo dei voti. Durante il periodo universitario fa parte del “Grupo Mambembe - Musica e Teatro Itinerante” come direttore musicale e partecipa nella creazione ed esecuzione della colonna sonora di diversi spettacoli teatrali. Nel 2014 sotto la guida di Simona Valsecchi conclude a pieni voti il Biennio di II Livello in Flauto al Conservatorio “G. Verdi” di Milano dove studia anche ottavino con Nicola Mazzanti. Impegnato anche in campo didattico, ha vinto diverse borse di studio Negli ultimi anni ha svolto attività concertistica come allievo del Conservatorio “G. Verdi” di Milano e ha partecipato come solista al 22° Festival di Milano Musica.

 

UGO MARTELLI, VIOLA

Nato a Venezia, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano diplomandosi in violino sotto la guida di Umberto Oliveti. Ha poi studiato la viola con Felice Cusano, prassi violinistica barocca con Enrico Gatti e flauto diritto con Daniele Bragetti, perfezionandosi in musica rinascimentale ai Corsi di Musica Antica di Urbino con John Tyson. Membro di importanti ensembles cameristici, si è esibito nelle principali città italiane e ha effettuato tournées in Spagna, Francia, Germania, Svizzera, Ungheria, Stati Uniti e Argentina. In formazione di quartetto d’archi ha ottenuto premi e riconoscimenti in vari concorsi nazionali. Numerose le incisioni discografiche, per Fonit Cetra e Nuova Era, tra cui le prime registrazioni assolute del Quartetto di Aldo Finzi e delle Sonate da camera di Agostino Steffani con il Quartetto Erasmus. Oltre che insegnante, è autore di scritti di musica e traduzioni (Il violino e la viola di Y. Menuhin). Dal 1997 collabora con il canale televisivo Classica, di cui è coordinatore artistico-editoriale.

 

LUCA PACCAGNELLA, VIOLONCELLO

Docente titolare di Quartetto e Musica d’insieme per archi al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, è stato Direttore del Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo. Guest Professor presso l’Università di Musicologia di Evry (Parigi), è stato Presidente fondatore del Consorzio dei Conservatori della Regione Veneto e co-fondatore dell’Interensemble di Padova, gruppo che si dedica alla musica contemporanea. Ha partecipato a Festival Internazionali e Stagioni concertistiche in tutto il mondo. Tra i premi avuti con il Trio Esterhazy, i Concorsi Internazionali di Toronto, Melbourne, Firenze e Trieste, spicca il prestigioso Grand Prix al concorso Musique de Chambre di Parigi 1990. Fonda l’Orchestra Sinfonica “Beethoven” di Padova, l’Orchestra e Coro lirico P. Mascagni e l’Orchestra Giovanile Venezze di Rovigo. Suona uno strumento italiano della fine del ‘700 attribuito alla famiglia Testori.

 

GIOVANNA POLACCO, VIOLINO

Allieva di Paolo Borciani, si diploma a pieni voti al Conservatorio “G. Verdi” di Milano e si perfeziona con L. Kogan e H. Szeryng. Debutta all’Accademia Filarmonica di Roma, alla Società del Quartetto di Milano e al Festival di Musica da Camera di Cremona in duo violino-pianoforte. Ottiene premi in numerosi concorsi tra i quali il Concorso di Forte dei Marmi, il Concorso Internazionale per violino “M.Abbado”, il Concorso Internazionale per Complessi da Camera “V. Gui”. Membro stabile del gruppo strumentale Dèdalo Ensemble e fondatore del Milano’808 Ensemble, partecipa a importanti Festival e Stagioni Musicali quali Milano Musica, Biennale di Venezia, Concerti del Quirinale, MITO settembre musica. Insegna violino e prassi esecutiva e repertorio della musica contemporanea presso il Conservatorio di Milano.

 

FEDERICO PORCELLI, DIREZIONE CORO

Si è diplomato in pianoforte nel 1992 presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano nella classe di P. Bordoni e presso il Conservatorio di Brescia in composizione (1997) con B. Bettinelli e in organo e composizione organistica (1998) con W. Zaramella. Nel 2010 ha conseguito il Diploma Accademico di secondo livello presso l’Istituto Pareggiato Monteverdi di Cremona nella classe di A. Baldrighi. Svolge attività concertistica come pianista e direttore di coro. E’ docente di pianoforte all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Monteverdi” di Cremona, al Centro Studi e Cultura Musicale di Lomagna (LC), al Centro Studi Musicali “Euphonia” a Cavernago (BG), all’Accademia “A. Mozzati” di Mezzago (MI). E’ direttore della Corale San Giovanni Battista di Cernusco L., del Coro Polifonico dell’Accademia “Mozzati” di Mezzago e del Coro Ss. Pietro e Paolo di Lomagna.

 

RUGGERO RUOCCO, PIANOFORTE

Proviene dalle scuole di Paolo Bordoni e Alberto Mozzati e ha completato la sua formazione musicale con studi di composizione. Dopo diverse affermazioni in concorsi nazionali e internazionali, ha iniziato la frequentazione di importanti istituzioni concertistiche in Italia, Europa, Nord e Centro-America, collaborando inoltre con numerose orchestre. Si è tra l’altro dedicato all’approfondimento della musica di autori italiani quali Sgambati, Martucci, Petrassi, Dallapiccola e Margola e ha inciso diversi CD che hanno ottenuto vivi consensi della stampa nazionale ed estera. Spiccato anche l’interesse per la musica contemporanea e cameristica. Dal 1975 è titolare della cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio di Brescia, dove attualmente ricopre l’incarico di direttore.

 

ORCHESTRA DI FLAUTI DEL CONSERVATORIO “G. VERDI” DI MILANO

Coordinamento didattico: Diego Collino L’Orchestra di Flauti del Conservatorio “G. Verdi” di Milano è nata nel 2012 dalla collaborazione tra le classi di Flauto, nell’ambito del corso di Consort di Flauti previsto dall’offerta formativa dei corsi di Alta Formazione. Composta dagli studenti dei corsi di Master e dei corsi superiori del Nuovo Ordinamento, l’Orchestra ha tra sue finalità la valorizzazione e l’ampliamento del repertorio attraverso nuove commissioni ai compositori e l’uso delle nuove tecnologie, per offrire la più ampia formazione, in un’ottica di professionalità e didattica che guarda al futuro. Nel 2015 l’Orchestra di Flauti del Conservatorio “G. Verdi” di Milano si esibirà con due concerti nella sala Verdi insieme ai prestigiosi maestri Pierre-Yves Artaud e Mathias Ziegler, per la stagione “EXPO in Conservatorio”.

 

DIEGO COLLINO, COORDINAMENTO DIDATTICO

Flautista e direttore d’orchestra, si è diplomato al Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano, dove ha studiato flauto con Marlaena Kessick e Glauco Cambursano, musica d’insieme con Giuseppe Garbarino e prassi esecutiva barocca con Emilia Fadini. A 18 anni debutta come solista con l’Orchestra da Camera Ambrosiana diretta da Daniele Gatti. Collabora poi come I° flauto con diverse orchestre, tra cui il Teatro Lirico di Alessandria, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro alla Scala e i Pomeriggi Musicali di Milano. Da allora svolge un’intensa attività concertistica. Invitato dalle maggiori istituzioni musicali, si è esibito nelle più importanti sale da concerto italiane e per numerose associazioni musicali europee, suonando con diversi ensemble tutto il repertorio flautistico, dalla musica barocca a quella contemporanea. Dal 2003 è professore di Flauto al Conservatorio di Milano.

 

DUO GIOVANNELLI-MAFFIOLETTI

Il duo Giovannelli-Maffioletti si forma nel 2012 sotto la guida del prof Emilio Vapi, presso la Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” Fondazione Milano. Si è esibito per Cortili Aperti e per il concerto anniversario in ricordo della nascita di Bruno Bettinelli nel 2013 presso l’Auditorium Lattuada. Sono entrambi regolarmente iscritti ai corsi di strumento presso la Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” Fondazione Milano, triennio Afam e corsi pre accademici, e all’Università degli Studi di Milano.

 

 

 

 

1/23

© NoMus 2019